A cinquant’anni dall’occupazione di Palazzo Campana, tre riflessioni su un possibile movimento universitario a 50 anni
dall’occupazione torinese.

 
• Come protestare? Dall’occupazione fisica all’occupazione virtuale.
• Perché protestare? Dal movente universale a particolare.
• Chi può protestare? Dalla demografia “orizzontale” alla demografia “verticale”.
AIR, grazie al lavoro di Anna Lisa Somma, Sergio Solombrino e Edoardo Frezet, presenta una riflessione sulle lotte di Anonymous e del movimento “open source” interno al mondo accademico.
Ne parlano:

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *